Come pulire la cappa da cucina: il metodo infallibile




FABER spa


Ecco come pulire la cappa dal grasso per assicurare una corretta aspirazione

Perché è importante sgrassare a dovere?

Il ruolo strategico giocato dalla cappa in cucina può essere messo a repentaglio dai grassi che vanno a depositarsi sulle sue superfici. Da qui l’importanza di una pulizia meticolosa e periodica per assicurare lunga vita all’elettrodomestico, per prevenire il propagarsi di sgradevoli odori e per bloccare il proliferare di germi e batteri. Ma come pulire la cappa? Per la parte esterna, è bene rimuovere la polvere e le tracce oleose una volta alla settimana, mentre per la porzione interna della cappa è sufficiente intervenire ogni due mesi.

Come pulire la cappa da cucina: il metodo infallibile - Faber

Una cappa che brilla all’esterno

Come pulire il grasso della cappa nella parte esterna? Basta avere a portata di mano una spugnetta inumidita e un prodotto dal potere sgrassante. Per eliminare le impurità superficiali, igienizzare la cappa passando la spugna imbevuta di sapone o detersivo liquido neutro, per poi risciacquare con un panno umido e asciugare con uno straccio morbido. In via alternativa, è possibile fare ricorso ad una soluzione a base di acqua ed aceto oppure di acqua e bicarbonato.

Ed ora si procede alla pulizia della porzione interna

Per sanificare la cappa raggiungendo la porzione interna, mettere sul fuoco una pentola contenente acqua e un bicchiere scarso d’aceto. Quando il vapore comincia a salire, accendendo la cappa alla velocità minima e lasciandola in funzione per alcuni minuti, il grasso si ammorbidisce e può essere rimosso passando sulla griglia un panno in microfibra. Il lavaggio dei filtri metallici può essere effettuato comodamente in lavastoviglie oppure a mano con acqua calda e sapone. Una volta l’anno è opportuno pulire il condotto interno della cappa con l’aiuto di un panno.

Come pulire la cappa da cucina: il metodo infallibile - Faber

Come pulire l’acciaio della cappa? Gli accorgimenti per non rovinare l’acciaio

Come pulire una cappa di acciaio? Vanno evitati l’alcool e i detergenti contenenti acido cloridrico, le spugne abrasive e le pagliette metalliche che possono graffiare la superficie. Via libera, invece, ai panni di cotone o alle spugne morbide. E come pulire la cappa in acciaio satinato? Per un risultato impeccabile, basta fare tesoro di questo semplice consiglio: in fase di lavaggio, di risciacquo e di asciugatura passare il panno seguendo sempre la satinatura del metallo!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *