Come cucinare il cavolfiore senza odori



Come cucinare il cavolfiore senza odori sgradevoli in cucina - Faber


Mangiare il cavolo: sì al gusto, no al cattivo odore

Cuocere cavolfiore senza odori: si può

Specie in inverno, cucinare il cavolo è un autentico piacere, che rischia, però, di tramutarsi in un incubo, se non si impiega la giusta tecnica per esorcizzarne la classica scia maleodorante. Aprire le finestre non è abbastanza, né è consigliato durante la stagione fredda, quando l’isolamento degli ambienti di casa dal freddo esterno è una priorità. Come fare, allora, per non rinunciare al prezioso apporto di sali minerali come ferro e magnesio, vitamine, omega 3 e omega 6 dell’ortaggio dalle naturali proprietà antinfiammatorie?

Qualche accorgimento su come cucinare il cavolfiore

Qualunque tu scelga tra le varietà a disposizione, dal broccolo al cavolfiore, dal cavolo nero al cavoletto di Bruxelles, puoi affidarti a questa semplice tecnica per una cottura a vapore o in pentola a pressione libera da puzze fastidiose. L’aiuto arriva direttamente dalla natura, o dai ripiani della tua cucina: aggiungi all’acqua di cottura qualche foglia di alloro, un cucchiaio di aceto bianco, un cucchiaio di latte, oppure una manciata di capperi.

Cuocere cavolfiore senza puzza in poche mosse

Altrettanto semplice e naturale è l’espediente della mollica di pane imbevuta in aceto o succo di limone. Sapevi che la patata è un altro valido supporto se ti stai chiedendo come cucinare il cavolfiore in maniera sostenibile per il tuo olfatto e quello del resto della famiglia? Se opti per una pentola a pressione, abbi cura di avvicinare allo sfiato della valvola una tazzina da caffè con dentro dell’aceto bianco, oppure la fetta di pane imbevuta di cui sopra. Sia la mollica del pane, sia l’aceto, infatti, sono in grado di assorbire i cattivi odori e restituire all’aria della tua cucina la freschezza che merita.

Come cucinare il cavolfiore usando la cappa antiodori

Ultimo consiglio, ma non di certo per importanza: il filtraggio degli odori è fondamentale grazie alla cappa!
È importante ricordarsi di cambiare il filtro anti grasso della cappa di aspirazione! Pulire l’alloggiamento e le superfici della cappa con attenzione assicura il massimo dell’efficienza all’elemento aspirante pensato appositamente per le esigenze di chi ama scatenare la creatività ai fornelli. Questi ultimi, poi, andrebbero sgrassati minuziosamente a ogni utilizzo, servendosi anche in questo caso di succo di limone o aceto in alternativa ai detersivi chimici dannosi per l’ambiente e la salute.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *