Cappa Filtrante o una Cappa Aspirante?

Non tutti sanno che le cappe possono essere montate in modalità aspirante o filtrante in base alla composizione della propria cucina.
In entrambi i casi è fondamentale che ci sia una corretta manutenzione, e soprattutto un’accurata pulizia e/ o sostituzione dei filtri.

In questo articolo vi spiegheremo come avere aria completamente pura e inodore, quando in casa si ha una cappa FILTRANTE.

Una manutenzione regolare ed accurata non solo è necessario per salvaguardare il vostro elettrodomestico e avere le migliori prestazioni ma è anche fondamentale per la purificazione dell’aria della vostra cucina.

Le cappe in modalità filtrante, ovvero le cappe che non possono avere un collegamento con l’esterno per poter espellere i fumi sono dotate di due tipologie di filtri:

  • Quelli antigrasso che possono essere, sintetici da sostituire ogni 2/3 mesi o in alluminio che si lavano semplicemente in lavastoviglie.

Queste tipologie di filtri, come dice il nome stesso, raccolgono il grasso di cottura ed è fondamentale che siano puliti onde evitare che si possano incendiare se particolarmente sporchi e a contatto con fonti di calore.

  • Quelli a carboni attivi si trovano generalmente vicino al gruppo motore ed hanno la funzione di assorbire i fumi e purificarli definitivamente prima di reimmettere nell’ambiente l’aria “bonificata”.

Per la sostituzione di questi ultimi, bisogna tenerne in considerazione la frequenza e l’intensità di utilizzo e tendenzialmente possiamo dire che si dovrebbero cambiare circa ogni 3/6mesi.

Fumi, vapori e odori saranno eliminati in maniera ottimale solo se la cappa è sottoposta ad una periodica ed accurata manutenzione. Per fare manutenzione e verificare l’efficienza della cappa potete svolgere un semplice test: avvicinate un foglio di carta leggero alla griglia di aspirazione e accendere l’apparecchio alla massima velocità: se il foglio rimane attaccato la cappa allora è efficiente.
Al contrario, significa che i filtri sono saturi e che è necessario pulirli o sostituirli.

Come pulirli? La superficie della cappa deve essere pulita regolarmente, ogni settimana, sia internamente che esternamente con un panno morbido e un detersivo neutro.
Dopo aver pulito, usando sempre un panno morbido, è necessario asciugare delicatamente.

Attenzione però: per le cappe in acciaio inox evitate detersivi al cloro.
Inoltre, spesso, la cappa è dotata di un sistema d’illuminazione a batteria che si accende automaticamente quando non c’è la luce. Il dispositivo di illuminazione della cappa è protetto da uno schermo in vetro o policarbonato, ed è necessario pulirlo per rimuovere i grassi di cottura che, accumulandosi, diminuiscono la diffusione della luce.

Chiedi il meglio per la tua cucina e goditi un’esperienza da chef in pieno comfort, respirando aria detersa mentre sei ai fornelli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *